Categorie
Biografia Giacomo Zanella

Immenso tempio d’amore

I nostri auguri di Pasqua evocati dal finale di “Voci secrete”

Con “Voci secrete” tratta dalla raccolta “Versi di Giacomo Zanella” del 1868, inviamo i nostri migliori auguri pwer una luminosa e serena Pasqua.

Aeree voci, che di concenti
Misterïosi l’orecchio empite ;
Fiochi susurri, sommessi accenti,
                         Donde venite?

     Chi di me parla? D’obbliqui detti
Segno mi fanno lingue scortesi?
Fan di me strazio maligni petti
                         Ch’io non offesi?

     Chi mi ricorda? Tenue bisbiglio,
Pari a tintinno d’arpa remota.
Forse una cara mormori al figlio
                         Materna nota?

     O degli amici, meco vissuti
Sotto le dolci patrie montagne,
A questo core porti i saluti
Che ancor li piagne?

Sia che da’ monti, sia che dall’onde
Amor vi mandi, sia che da’ cieli,
Di caro spirto che si nasconde,
                        Nunzie fedeli,

     Voci gentili, per voi maggiore
Sorgo degli anni, sorgo del fato;
Fammisi immenso tempio d’amore
                         Tutto il creato.

Versi di Giacomo Zanella. Firenze, G. Barbèra, 1868.

2 risposte su “Immenso tempio d’amore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.